top of page

Estetiche della gioia : #2 ABBONDANZA

Aggiornamento: 13 apr


Piccolo test per scoprire la tua "estetica", la somma delle immagini, delle sensazioni e degli oggetti che ti fa sentire felice tutte le volte che rientri a casa.

Ti piace accostare carte da parati con fantasie diverse, utilizzare colori anche a contrasto, mobili e complementi di stili ed epoche diverse? Crei delle piccole composizioni con le tue collezioni? Ami i grandi mazzi di fiori sui tavoli? Hai un giardino pieno di piante ?

Osserva le immagini del post : una vetrina piena di dolci, l'opulenza delle maioliche portoghesi, un drappeggio barocco e una natura morta, i tappeti di Iris Apfel e le case di Chiloé. Ti fanno sentire felice?

Allora la tua "estetica", è quella che per Ingrid Fetell Lee e la sua "Cromosofia" è l'estetica dell'Abbondanza.

Dice Fetell che "il nostro amore per l'abbondanza è il residuo di una pulsione biologica che aveva lo scopo di aiutarci a sopravvivere in un mondo incerto e povero di risorse".

Biologicamente parlando, dunque, l'abbondanza ti fa felice perché risponde ad un ancestrale necessità di accumulare per i periodi di carestia e fame.

La sfida, nel nostro mondo, è quella di scegliere e non farsi sommergere, ma resta sempre, in fondo in fondo, l'appagamento sensoriale che l'abbondanza ci garantisce.

E se ti rende seren*, che problema c'è? La tua casa non sarà minimalista, probabilmente no, ma sicuramente ti sentirai molto più a tuo agio😊.








7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page